Fiore di ghiaccio

Con la scusa di prendere a prestito una vecchia canzone dei Timoria, vediamo in pochi ma semplici passaggi come cambiare il colore degli occhi di una modella, da un anonimo marrone ad un più interessante azzurro ghiaccio.








Per prima cosa creiamo un nuovo Livello di riempimento Sfumatura, che ci permette da una parte di risparimare sul peso del documento (in quanto non vengono utiizzati pixel), dall'altra di mantenere la qualità costante anche in caso di ridimensionamento.





In fase di creazione della sfumatura prendiamo due colori freddi, dei quali uno più scuro (che sarà quello centrale).




Ecco il risultato: il Livello di riempimento sfumatura copre totalmente quello di Sfondo, per il momento. il punto più scuro della sfumatura corrisponde con la pupilla dell'occhio.




Utilizzando il pennello agiamo sulla maschera del Livello di riempimento sfumatura facendo in modo che questo mostri solamente la parte sopra la pupilla, nascondendo il resto (nelle maschere, il colore nero nasconde mentre quello bianco mostra).

E' il momento della magia: dal pannello Livelli, modifichiamo il metodo di fusione del Livello di riempimento sfumatura da Normale a Colore. In questo modo la sovrapposizione tra i due livelli influenza solo le informazioni cromatiche, lasciando inalterate quelle su Luminosità, saturazione e tonalità.



Il risultato è molto bello ma ancora poco credibile. Normalizziamo il tutto abbassando un po l'opacità del Livello di riempimento sfumatura.


Ed ecco il risultato finale: più economico e più comodo di una lente a contatto, e tutto sommato, meno difficile di quanto sembri!







Autore di svariati libri per conto di Mondadori su Photoshop, Illustrator, Mac OS X, iPad e Office per Mac, Matteo Discardi è una firma storica di Applicando, rivista italiana di riferimento per il mondo Mac, e collabora con il portale Macitynet e con MacReport, la rivista di Attiva distribuita in tutti i migliori negozi Mac. Di impronta grafica, ha cominciato ben presto a sperimentare svariate tematiche anche in ambito tecnico, sviluppando applicazioni per Mac e soluzioni per Photoshop, distribuendole anche in versione gratuita attraverso il proprio portale 1802.it, da cui questo tutorial è tratto. Il suo stile frizzante e irriverente lo porta spesso a confrontarsi con il pubblico in corsi, eventi, fiere o presso la distribuzione Apple. Matteo è reperibile anche su Facebook, Twitter, Flickr e LinkedIn.









Discuss
Not a member?Join